05/02/2019 – Trasporti: 500 mila km in meno anche quest’anno?

Ci risiamo! Anche quest’anno le risorse per il trasporto pubblico si prospettano inferiori a quelle dell’anno scorso (per rendersi conto di questo, vi rimando alla lettura di un articolo pubblicato oggi dell’Eco di Bergamo di cui vi posto il link: https://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/trasporti-si-rischia-un-anno-da-incubobus-500-mila-chilometri-da-ridurre_1301678_11/). Il problema è che questo trend negativo va avanti ormai da diversi anni. Molte famiglie si chiedono dove andremo a finire di questo passo. Lo sanno bene gli studenti che prendono il pullman ogni giorno dove il sovraffollamento è ormai diventato un’abitudine, tanto da non farci più neanche caso.

Finora abbiamo sopportato tutto, ma cresce sempre di più il malessere e il disagio dei cittadini verso le Istituzioni che dovrebbero assicurare loro un livello di servizio in linea con quello degli altri Paesi europei. Così non è! Si continua a peggiorare! I soldi sono sempre meno e, senza quelli, poco si può fare. Ma siamo veramente sicuri che i soldi non ci siano proprio oppure non sarà che non vengono spesi poi così bene? E non è una provocazione…

Io mi limito ad osservare che, insieme a Brescia, siamo la provincia più industrializzata dell’intera Europa, ma quello che produciamo non ci torna minimamente indietro in termini di servizi da parte dello Stato. Non voglio colpevolizzare nessuno ovviamente, ma è un dato di fatto. Chi produce, dovrebbe stare bene e poter aiutare anche gli altri, ma se tutto viene portato via, si impoverisce anche il territorio più ricco che, nel lungo termine, non sarà più in grado di aiutare nessuno, neanche sé stesso.

Fatta questa breve digressione di natura politico economica, ci batteremo con le unghie e con i denti per impedire questi tagli! Come? Continuate a seguirci e lo scoprirete presto!

Luciano Corlazzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *